Un reddito per tutti di 2.500 franchi?

Pubblicato: Sabato, 28 Maggio 2016 Scritto da i.

dal Corriere del Ticino del 21 maggio 2016, a cura di Giovanni Galli

L’iniziativa popolare «Per un reddito di base incondizionato» non ha nulla a che vedere con quella sul salario minimo, sulla quale s’era votato due anni fa. Allora si trattava di introdurre una retribuzione minima mensile nei contratti collettivi di lavoro. Adesso invece si chiede di versare mensilmente un importo a tutte le persone che vivono in Svizzera, indipendentemente dal fatto che svolgano o meno un’attività lucrativa, senza contropartite e condizioni di alcun genere. Il testo è formulato in modo generico e stabilisce che la Confederazione deve provvedere all’istituzione di un reddito di base incondizionato, che consenta a tutta la popolazione di condurre un’esistenza dignitosa e di partecipare alla vita pubblica. Gli iniziativisti si limitano a precisare che il finanziamento e l’importo del reddito di base devono essere disciplinati dalla legge, lasciando a Governo e Parlamento la facoltà di definirne i termini e le modalità di attuazione. Il presupposto di questa richiesta è che lo sviluppo tecnologico sta viepiù separando l’economia e il lavoro. Nei prossimi vent’anni, dicono i promotori, è destinato a sparire fino al 50% degli impieghi. Di qui l’esigenza di trovare nuove risposte, che vadano al di là della protezione sociale tradizionale e al tempo stesso consentano di dare spazio a modi di vita differenti. Ogni individuo dovrà poter scegliere autonomamente come utilizzare le proprie capacità e quale contributo fornire alla società. Anche se nel te- sto in votazione non figurano cifre, i fautori del reddito di base incondizionato (RBI) propongono un importo mensile di 2.500 franchi (la soglia di povertà media è di 2.600) per gli adulti e di 625 per i minorenni. Un nucleo familiare di quattro persone (composto da due adulti e due minori) percepirebbe un reddito di 6.250 franchi, mentre alle cifre di oggi la soglia di povertà è fissata a 4.900 franchi mensili.

Le due pagine del CdT sono disponibili in PDF

0
0
0
s2smodern

Pubblicato nei social

Ultimi articoli

Il comitato d'iniziativa
è composto di singole persone nella società civile :

Gabriel Barta, Ginevra / Daniel Häni, Basilea
Christian Müller, Sciaffusa / Ursula Piffaretti, Zugo
Ina Praetorius, San Gallo / Franziska Schläpfer, Zurigo
Oswald Sigg, Berna / Daniel Straub, Zurigo
Questo comitato è indipendente da qualsiasi partito politico, religione, lobby o altro gruppo di influenza.
incondizionato.ch

Il comitato dell'Associazione tiRBI
è composto da persone della società civile:
Colman Thoma, Mezzovico (Presidente),
Agnes Borel, Pianezzo (Cassiere)

Membri stabili del comitato: Associazione QuerciaNera / Gregorio Costantini, Sant Antonio / Donato Anchora, Ivan Miozzari, Lugano
Altri soci:
Gruppo ticinese per il sostegno all’iniziativa
tiRBI non ha scopo di lucro e non è affiliata ad alcun partito,
è aconfessionale e libera da ogni influenza

BIEN-Svizzera,
il cui obiettivo è l'introduzione del reddito di base in Svizzera, sostiene attivamente questa iniziativa ed un membro del Comitato, Gabriel Barta, fa parte a titolo individuale del Comitato d'iniziativa.
bien.ch