La posizione ufficiale dei Verdi del Ticino

Pubblicato: Giovedì, 14 Aprile 2016 Scritto da i.

Mercoledì sera il Comitato Cantonale dei Verdi ha votato all’unanimità - un solo astenuto - l’appoggio all’iniziativa popolare federale “Per un reddito di base incondizionato”. Il popolo si esprimerà su questo oggetto nella votazione del prossimo 5 giugno.
Ecco il comunicato dei Verdi, nelle parole di Pierluigi Zanchi.

“In sintesi, il comitato ritiene che l’iniziativa pone le premesse e dà l’opportunità per risolvere una moltitudine di problemi legati ai grossi cambiamenti che stanno mettendo sotto pressione il mondo del lavoro, l’economia, la socialità, la salute, il finanziamento dell’AVS e altre assicurazioni; il tutto garantendo una migliore ridistribuzione della ricchezza prodotta a livello nazionale. Il Comitato cantonale dei Verdi ritiene poco lungimiranti e un tantino demagogiche le esternazioni del Ministro Berset su questa iniziativa. In particolare si contesta al Ministro socialista che con un RBI (il cui l’importo sarà deciso da Governo e Parlamento) più nessuno lavori o ci sarebbe una catastrofe economica. Infatti il sondaggio Demoscope di gennaio 2016 dice che solo il 2% della popolazione intervistata resterebbe a casa; il dato interessante che emerge è che più del 50% degli intervistati inizierebbe una formazione professionale, la terminerebbe o si riqualificherebbe. Tutto ciò, a nostro parere, andrebbe a chiaro vantaggio, e non a scapito, dell’economia e della socialità; inoltre ben il 20% degli intervistati si è dichiarato disposto a creare il proprio lavoro o azienda. Si tratta di un aspetto  molto importante: le micro aziende sono quelle che mantengo più posti di lavoro (anche in zone de localizzate, dunque a vantaggio delle regioni rurali o discoste).
Un RBI risponde ad esempio all’insicuro e contestato (perché insopportabile) attuale finanziamento dell’AVS. Questo finanziamento si appoggia unicamente sul modello economico illusorio della crescita infinita; per essere sostenuto, si deve far sempre più capo all’immigrazione. In ultima analisi il finanziamento del RBI è possibile senza dover aumentare le imposte, l’IVA o altre tasse; basta basarlo su una migliore ripartizione o ridistribuzione della ricchezza esistente e prodotta dal lavoro e dai capitali.
Un RBI per tutti permetterebbe di superare molte costrizioni negative di vita, liberando energia positiva per il futuro delle famiglie e della società tutta.

Il Comitato dei Verdi invita la popolazione e i politici a partecipare alle serate informative sul RBI che si terranno a:
    •    Mendrisio, sala del Consiglio comunale, giovedì 21 aprile
    •    Locarno, sala del Consiglio comunale, giovedì 28 aprile
    •    Lugano, aula magna del Centro La Piazzetta, mercoledì 18 maggio
    •    Bellinzona, aula magna della Scuola cantonale di commercio, lunedì 23 maggio“

0
0
0
s2smodern

Pubblicato nei social

Ultimi articoli

Il comitato d'iniziativa
è composto di singole persone nella società civile :

Gabriel Barta, Ginevra / Daniel Häni, Basilea
Christian Müller, Sciaffusa / Ursula Piffaretti, Zugo
Ina Praetorius, San Gallo / Franziska Schläpfer, Zurigo
Oswald Sigg, Berna / Daniel Straub, Zurigo
Questo comitato è indipendente da qualsiasi partito politico, religione, lobby o altro gruppo di influenza.
incondizionato.ch

Il comitato dell'Associazione tiRBI
è composto da persone della società civile:
Colman Thoma, Mezzovico (Presidente),
Agnes Borel, Pianezzo (Cassiere)

Membri stabili del comitato: Associazione QuerciaNera / Gregorio Costantini, Sant Antonio / Donato Anchora, Ivan Miozzari, Lugano
Altri soci:
Gruppo ticinese per il sostegno all’iniziativa
tiRBI non ha scopo di lucro e non è affiliata ad alcun partito,
è aconfessionale e libera da ogni influenza

BIEN-Svizzera,
il cui obiettivo è l'introduzione del reddito di base in Svizzera, sostiene attivamente questa iniziativa ed un membro del Comitato, Gabriel Barta, fa parte a titolo individuale del Comitato d'iniziativa.
bien.ch